mandarini_coppetta.jpg

MANDARINO TARDIVO

DISPONIBILITA': MARZO - APRILE

Da 2,33 € a 2,9 € al kg

Il mandarino è un agrume appartenente alla famiglia delle Rutaceae dalla forma simile a quella di un’arancia, ma più piccolo e schiacciato ai poli. La buccia, profumatissima, è sottile e leggermente staccata dalla polpa, caratteristica che dà ai frutti il caratteristico aspetto un po’ “ammaccato”. La polpa è suddivisa in piccoli spicchi molto dolci e succosi con la presenza di semi. Il mandarino è una pianta antichissima originaria della Cina dove veniva considerato un frutto nobile riservato all'imperatore ed ai suoi ospiti. Il suo nome deriva dal colore arancione dorato dell'abito dei “Mandarini” i dignitari imperiali e massime autorità dell'antica Cina. Fu introdotto in Europa come pianta ornamentale agli inizi dell'800, prima in Inghilterra poi a Malta e in Sicilia, dove si ambientò benissimo diventando uno dei frutti più amati. 

Mandarino, cedro e pomelo e sono i 3 agrumi originali del genere Citrus, gli “antenati” da cui si sono sviluppati, grazie all’ibridazione naturale e agli incroci botanici, quasi tutti gli agrumi che oggi conosciamo. E’ importante ricordare che tra gli originali il mandarino è l’unica varietà dolce, caratteristica molto apprezzata che ha trasmesso ad arance e clementine.

La polpa del mandarino è una buona fonte di vitamina C, indispensabile al nostro sistema immunitario per proteggere l’organismo dai disturbi tipici dell’inverno come il raffreddore e l’influenza, e contrastare i radicali liberi. Inoltre contiene vitamine dei gruppi A e B, acido folico e diversi minerali quali magnesio, potassio, calcio e ferro. E’ ricca di fibre perciò è facilmente digeribile ed aiuta regolarizzare il transito intestinale regolando l’assorbimento degli zuccheri . Inoltre contiene bromuri, sostanze con effetto calmante che favoriscono il rilassamento e il sonno. Ulteriori proprietà del mandarino si trovano nella buccia che risulta essere preziosa quanto il frutto: infatti è ricca di vitamine (specie la C e la P), fibre, oli essenziali, amminoacidi e ha proprietà antiossidanti, idratanti, astringenti, disinfettanti e per questo viene largamente utilizzata dall’industria farmaceutica e cosmetica. Inoltre contiene  D-limonene (contenuto anche nel limone), un composto chimico responsabile del tipico odore del frutto che agisce sull’organismo con un potente effetto antinfiammatorio e anti tumorale. Inoltre il profumo delizioso che diffonde è un antidepressivo naturale che induce al buon umore. A differenza di altri tipi di frutta, i semi del mandarino non sono dannosi per la salute se ingeriti, anzi, sono fonte ulteriore di vitamina C  e di sostanze nutritive come l’acido oleico e linoleico. Nella medicina tradizionale cinese si usano per il trattamento di malattie infiammatorie come ernie o mastiti.

Il mandarino può essere utilizzato in cucina per svariate ricette, dolci o salate. E’ ottimo per fare la marmellata e per aromatizzare creme e torte e conferisce un profumo particolare anche a ricette di carne e risotti. La buccia si può consumare candita oppure essiccata e polverizzata. Inoltre si può ricavare un decotto molto utile in caso di tosse o raffreddore portando ad ebollizione una tazza d’acqua con la buccia di un mandarino per 3/4 minuti, lasciar poi riposare per 6/7 minuti, quindi filtrare e bere con un po’ di miele.

Azienda Agricola Biologica Bono Salvatore, Noto (SR).